Caricamento...

FUTURA: la scuola per l'Italia di domani

Pubblicata la graduatoria provvisoria con gli abbinamenti dei nominativi ai codici alfanumerici di 1° e 2° grado a seguito della valutazione delle commissioni giudicatrici. L’approvazione delle graduatorie definitive avverrà in seguito alla verifica della documentazione amministrativa.

Per approfondimenti sulla graduatoria provvisoria si rimanda al sito dedicato al concorso FUTURA: https://futura.concorsiawn.it/comunicazioni/pubblicazione-degli-abbinamenti-dei-nominativi-ai-codici


Il Ministero dell'Istruzione ha indetto nel 2022 il concorso di progettazione per la realizzazione di 212 nuove scuole, finanziato con le risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, espletato attraverso la piattaforma concorsi del CNAPPC. L'iniziativa suggella l’importanza dell’utilizzo del concorso di progettazione quale strumento più idoneo per riportare la qualità dell’architettura al centro del dibattito sulle opere pubbliche e per garantire trasparenza, equità durante tutto il processo concorsuale.


L'iniziativa, denominata FUTURA, ha un'impronta di carattere collettivo, e chiama i progettisti a impegnarsi in un'opera civica di rinnovamento delle strutture scolastiche e di miglioramento della qualità degli apprendimenti su tutto il territorio nazionale.

Progettare nuove scuole è un’azione che guarda al futuro e contribuirà a definire come sarà l’istruzione nel nostro Paese nei prossimi decenni. Ma è un processo che inevitabilmente parte dal presente, dalla comprensione dei bisogni delle persone e delle comunità - scolastiche e territoriali - da integrare in una visione attuale e lungimirante dei rapporti fra insegnamento e architettura, che si concretizzi in nuovi ambienti di apprendimento efficaci e funzionali.
L’occasione offerta dal PNRR apre la possibilità di un rinnovamento diffuso degli edifici scolastici che non ha eguali nella recente esperienza italiana: migliaia di studenti potranno beneficiare degli interventi che riguardano le scuole previsti nel PNRR. Si apre, dunque, una fase importante per le architetture scolastiche italiane, durante la quale tanti daranno il proprio contributo le scuole stesse, gli Enti Locali, le Regioni e i progettisti.


10 i temi centrali contenuti nelle linee guida del bando individuati dal gruppo di lavoro composto da Massimo Alvisi, Sandy Attia, Stefano Boeri, Mario Cucinella, Andrea Gavosto, Luisa Ingaramo, Franco Lorenzoni, Carla Morogallo, Renzo Piano, Raffaella Valente e Cino Zucchi: la nuova scuola dovrà essere di qualità, con bassi consumi, sostenibile, aperta, "fra dentro e fuori", adatta per apprendere meglio, pensata anche per chi lavora, dovrà integrare i cinque sensi ed essere attrezzata e connessa.



Per maggiori informazioni sul progetto FUTURA e per accedere ai concorsi delle singole regioni visitare la pagina > https://futura.concorsiawn.it/



Potrebbe interessarti

16.05.2024 Call

Sempre Moderno: open call di fotografia

Nell'ambito del progetto "Sempre Moderno", la Fondazione Ordine Architetti PPC Milano apre una open call di fotografia, invitando architetti, studenti, fotografi e appassionati, a inviare un “trittico” di immagini aventi come soggetto un edificio della seconda metà del Novecento costruito nel territorio della città metropolitana di Milano. Le fotografie, visionate da una commissione, saranno esposte in una mostra che verrà allestita presso la sede dell'Ordine degli Architetti PPC di Milano nell'autunno 2024. Consegna entro il 3 settembre 2024

Scopri di più
15.05.2024 Call

Il Gruppo di lavoro Forense dell'Ordine si rinnova

L’Ordine degli Architetti di Milano apre una call per rinnovare il Gruppo di lavoro sull’attività di CTU, Periti e valutatori, selezionando architetti disponibili a un impegno atto a monitorare l'evoluzione della normativa e della cultura specifica in materia forense.

Scopri di più
10.05.2024 Normativa

L’applicazione del principio dell’equo compenso è inderogabile anche nei contratti pubblici

L'Ordine di Milano commenta, con una nota dell'architetto Carlo Lanza, la circolare del Consiglio Nazionale sull'applicazione del principio dell'equo compenso, per contrastare un’interpretazione penalizzante per la professionalità dei professionisti impegnati in contratti pubblici.

Scopri di più