Caricamento...

Tutti i podcast Archibooks On Air

Dal 14.04.2020 al 22.06.2021

Abitare contemporaneo, spazio pubblico, design e Salone del Mobile, aree dismesse, ecologia... sono alcuni dei temi trattati dai podcast Archibooks On Air, le interviste agli autori di libri sull'architettura sempre disponibili per l'ascolto

Archibooks, ciclo di presentazioni di libri sull’architettura, la città e il design a cura di Fondazione dell'Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Milano, in seguito allo scoppio della pandemia covid-19 ha proseguito gli incontri in versione audio, proponendo al suo pubblico una serie di podcast ospitando discussioni e interviste su pubblicazioni editoriali recenti.

Il tentativo è stato quello di colmare, almeno in parte, l'impossibilità di proseguire con il programma che era previsto in presenza.


Riportiamo i 12 podcast registrati, ascoltabili gratuitamente sulle diverse piattaforme indicate. 

Puntata #1 - "La casa on/off. Spazi dell'abitare produttivo", di Paola Misino, LetteraVentidue, 2018

La prima puntata di Archibooks On Air affronta un tema oggi più che mai centrale nelle nostre vite, vale a dire la sovrapposizione dello spazio del lavoro e dello spazio domestico, tema trattato nel libro La casa on/off. Spazi dell'abitare produttivo, di Paola Misino, LetteraVentidue 2018.
Florencia Andreola intervista l'autrice Paola Misino, architetto, ricercatore e docente all'Università di Chieti-Pescara.


Il podcast è disponibile gratuitamente in questa pagina o sulle seguenti piattaforme: Anchor - Breaker - Google Podcasts - RadioPublic - Spotify



La casa on/off. Spazi dell'abitare produttivo
Le nuove logiche economiche e sociali che organizzano tempi e modalità del lavoro, hanno oltrepassato la soglia dello spazio domestico, dando vita a nuove forme di relazione tra le funzioni pubbliche delle attività lavorative e l’intimità dell’abitazione. Il binomio spazio produttivo e residenza rappresenta un fenomeno urbano storicamente diffuso soprattutto in luoghi con un alta concentrazione di popolazione. Tuttavia nell’ambito della cultura del progetto contemporaneo, i casi più noti sono confinati alle case-atelier/studio individuali, rivolte ad una committenza ristretta. Il libro, viceversa, propone una rilettura inedita della “casa produttiva” estesa alla scala dell’edificio ad alta densità abitativa, includendo anche attività commerciali e di servizio. Qui il limite tra l’alternarsi della condizione pubblica del lavoro, con quella intima della vita domestica sembra andare oltre le peculiarità dello spazio fisico. La componente relativa al tempo d’uso, disciplinata dagli abitanti stessi, può spingersi fino a definire una sorta di codice binario - online/offline - dello spazio di confine.

Puntata #2 - "Moreness", a cura di Anna Quinz, franzLAB, 2019

La nuova puntata di Archibooks on Air ci porta sulle alte vette delle Dolomiti, a scoprire il rapporto stretto tra natura, ambiente e esseri umani, attraverso il paper magazine Moreness che raccoglie i contributi e le indagini di architetti, designer, scienziati, filosofi e artisti su questo tema.
Simona Galateo ne parla con Anna Quinz, Direttrice Creativa della rivista, Marco Ferrari, dello Studio Folder, e Claudio Larcher, designer e ricercatore, docente alla NABA.


Il podcast è disponibile gratuitamente in questa pagina o sulle seguenti piattaforme: Anchor - Google Podcasts - RadioPublic - Spotify


Moreness
Moreness è un sostantivo inglese intraducibile che letteralmente significa “the state of being more”. È inseguendo questa definizione e questo concept che è nato il paper magazine di FranzLab – organizzato in trilogie, semestrale e trilingue – interamente dedicato all’approfondimento, alla riflessione e all’analisi multiforme e trasversale delle tematiche più attuali e stringenti legate all’ambiente e al contesto delle Dolomiti. Ogni volume di Moreness è composto da 14 piccoli saggi firmati da altrettanti autorevoli autori, locali o internazionali. Filosofi, antropologi, ricercatori, economisti, architetti, designer, ciascuno con il proprio linguaggio e le proprie competenze, sulle pagine di Moreness riflette, ragiona e si interroga sul tema proposto. Il progetto grafico si rivolge a un pubblico trasversale, curioso, attento e sensibile ed è incentrato sulla valorizzazione dei contenuti testuali e fotografici. È un progetto funzionale e pragmatico, che ripropone in chiave attuale soluzioni di derivazione classica. È un progetto soprattutto tipografico, con una grafica chiara e lineare che unisce grazie a piacevoli ibridazioni le caratteristiche di un magazine a quelle di un libro.

Puntata #3 - “MULTIPLO. Transformation in design”, a cura di studio Gisto, 2019

Nella nuova puntata di Archibooks on air parliamo di riciclo e riutilizzo di oggetti e di spazi, ma anche di ambiente e di ecologia, e lo facciamo insieme allo studio GISTO che ha curato la ricerca da cui nasce la pubblicazione “MULTIPLO. Transformation in design”.
Simona Galateo ne parla con Alessandro Mason e Matteo Giustozzi, dello studio GISTO, e Salvatore Peluso, autore e ricercatore.


Il podcast è disponibile gratuitamente in questa pagina o sulle seguenti piattaforme: Anchor - Google Podcasts - Spotify



Multiplo
Il progetto Multiplo si concentra sul rapporto tra spazio, energia e territorio, cercando di elaborare e promuovere modelli di riutilizzo che vanno oltre la semplice retorica della sostenibilità. Frutto di una ricerca iniziata qualche anno fa per BASIS Vinschgau Venosta, un nuovo hub di attivazione sociale nato a Silandro con sede in un’ex base militare, MULTIPLO si interroga sul processo attraverso cui possiamo riutilizzare oggetti e spazi, unendo architettura, design e artigianato di alto livello.
Multiplo è una pubblicazione indipendente di studio GISTO.

Puntata #4 - "Case milanesi. 1923-1973. Cinquant'anni di architettura residenziale a Milano", Hoepli, 2017

La nuova puntata di Archibooks on Air intende fornire un momento di riflessione sulla relazione tra casa e lavoro a partire dalla spazialità delle case milanesi del '900 - oggetto del libro Case milanesi. 1923-1973. Cinquant'anni di architettura residenziale a Milano, di Orsina Simona Pierini e Alessandro Isastia, Hoepli 2017 - e arrivando a progetti del contemporaneo.

L'attuale condizione di permanenza forzata a casa costituisce un'occasione per riflettere sul progetto degli interni e sul rapporto tra interno ed esterno, temi che in molti interventi di architetti come Ponti, Caccia Dominioni, Gardella, Minoletti - per citarne solo alcuni - trovano le più alte sperimentazioni spaziali. Come reagisce oggi quel tessuto residenziale all'integrazione con gli spazi del lavoro in casa? Quali sono le tipologie che più delle altre riescono ad assorbire questo cambiamento? Durante la puntata si fa riferimento sia alla tradizione che al contemporaneo, con degli affondi sulle soluzione planimetriche, la composizione della facciata, il rapporto tra interno/esterno, le misure e altri temi del progetto. Manuele Salvetti ne parla con Orsina Simona Pierini, architetto e docente ordinario al Politecnico di Milano in composizione architettonica e urbana e autrice, insieme ad Alessandro Isastia, del libro “Case milanesi. 1923-1973. Cinquant'anni di architettura residenziale a Milano", edito da Hoepli e pubblicato nel 2017.

Il podcast è disponibile gratuitamente in questa pagina o sulle seguenti piattaforme: Anchor - Google Podcasts - RadioPublic - Spotify



"Case milanesi. 1923-1973. Cinquant'anni di architettura residenziale a Milano", Hoepli, 2017.
L'interesse per il moderno milanese negli ultimi anni è più vivo che mai e il successo del libro di Orsina Simona Pierini e Alessandro Isastia - giunto alla terza ristampa - ne è una testimonanza. Il volume è dedicato ai cosiddetti "anni d'oro" dell'architettura residenziale milanese, che vanno dall'eclettismo della Ca' Brutta di Giovanni Muzio e dalle prime sperimentazioni pontiane di gusto deco' fino ai complessi degli anni Settanta. Grazie alle 80 schede di approfondimento con ridisegni e fotografie di Stefano Topuntoli, il libro rappresenta un prezioso strumento di conoscenza, sia per gli studenti e studiosi che per i progettisti.

Puntata #5 - "Perché gli alberi non rispondono. Lo spazio urbano e i destini dell'abitare", JacaBook, 2020

Questa puntata di Archibooks on Air si concentra su alcuni temi trattati nel libro Perché gli alberi non rispondono, un dialogo filosofico tra Gabriele Pasqui e Carlo Sini intorno alle tematiche urbane che investono la nostra contemporaneità. Tra questi temi, il destino dell'abitare, anche a fronte della pandemia che stiamo affrontando, le condizioni d'uso della città e gli strumenti dell'urbanistica, la città plurale e ciò che questo comporta dal punto della pianificazione urbana, così come la legittimazione politica e sociale dell'urbanistica stessa.

Ospiti della puntata sono Gabriele Pasqui, docente di Politiche Urbane e Analisi della città e del territorio al Politecnico di Milano, e Nicola Russi, architetto e professore di Progettazione architettonica e urbana presso il Politecnico di Torino, intervistati da Florencia Andreola.


Il podcast è disponibile gratuitamente in questa pagina o sulle seguenti piattaforme: Anchor - Google Podcasts - RadioPublic - Spotify



"Perché gli alberi non rispondono. Lo spazio urbano e i destini dell'abitare", JacaBook 2020.
Vivere insieme nella città non è una scelta ma un destino, che da qualche tempo coinvolge la maggior parte degli abitanti del pianeta. Legato agli sviluppi della globalizzazione economica e tecnologica, questo fatto pone problemi nuovi agli urbanisti e a tutti noi. Come vivere insieme nella attuale città plurale, nelle grandi città-mondo che mescolano il sublime e il kitsch, la bellezza e l’orrore? Come fronteggiare la crescita inarrestabile delle disuguaglianze tra la città dei ricchi e la città dei poveri? Come favorire aggregazioni compossibili e risolvere questioni ambientali ed ecologiche di proporzioni mai conosciute? Domande ineludibili e problemi urgenti: la questione urbanistica è oggi la questione stessa del sapere.

Puntata #6 - "Giancarlo De Carlo and ILAUD. A movable frontier", a cura di Paolo Ceccarelli, Fondazione OAMI, 2019

La nuova puntata approfondisce la nascita e lo sviluppo di ILAUD - International Laboratory of Architecture and Urban Design, laboratori fondati da Giancarlo De Carlo nel 1976 e tutt'ora attivi. Nel 2019 è stato pubblicato il libro Giancarlo De Carlo e ILAUD. Una frontiera mobile, curato da Paolo Ceccarelli e pubblicato da Fondazione OAMi (disponibile per l'acquisto qui), un racconto corale - attraverso le voci di docenti, ex studenti - di una modalità di rifllessione sui temi dell'architettura e del disegno urbano. I laboratori nel corso del tempo hanno cambiato sede e forme di svolgimento ma ancora oggi rimangono attivi come occasioni di dibattito. L'intervista approfondisce le caratteristice dell'esperienza ILAUD e i lasciti nel contemporaneo: il laboratorio pubblico come forma di immersione totale; un luogo di confronto e scambio tra studenti, docenti e architetti con formazioni molte diverse; un momento di ridefinizione del ruolo nell'architetto all'interno della società.

Ospiti della puntata sono Paolo Ceccarelli, urbanista, docente e presidente di ILAUD, e Clelia Tuscano, architetto, allieva di Giancarlo De Carlo ed ex studente ILAUD, intervistati da Manuele Salvetti.


Il podcast è disponibile gratuitamente in questa pagina o sulle seguenti piattaforme: Anchor - Google Podcasts - RadioPublic - Spotify



"Giancarlo De Carlo and ILAUD. A movable frontier", a cura di Paolo Ceccarelli, Fondazione OAMI 2019.
"Il libro riunisce riflessioni, ricordi, giudizi, progetti per il futuro legati a ILAUD, fondato da Giancarlo De Carlo nel 1976 e tuttora attivo e rappresenta la testimonianza non solo del valore culturale di questa importante iniziativa, ma anche della sua ricchezza umana ed etica, unica nella storia recente dell'architettura internazionale. ILAUD è stato fondato come alternativa a un modo accademico di insegnare e praticare l'architettura, seguendo il ruolo critico di De Carlo e dei CIAM e la sua esperienza con il Team X, ma con radici più profonde nel suo impegno politico, ideologico e culturale, nella cornice storica dei grandi sconvolgimenti negli anni '60 e '70".

Puntata #7 - "In strada. Azioni partecipate in spazi pubblici", di Monica Guerra e Lola Ottolini, Corraini, Milano, 2019

Nella nuova puntata di Archibooks on Air parliamo di spazio pubblico, di comunità, di partecipazione e condivisione, di progetti temporanei nella città contemporanea, di azioni sugli spazi aperti della città contemporanea. E lo facciamo partendo dal libro In strada. Azioni partecipate in spazi pubblici, pubblicato dall’editore Corraini e scritto da Monica Guerra – ricercatrice e docente presso il Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione all'Università degli Studi Milano Bicocca – e Lola Ottolini – ricercatrice di Architettura degli Interni e Allestimento al Politecnico di Milano, fondatrice dello studio SixPlus Architetti Associati.

Simona Galateo ne parla insieme alle due autrici e a Federica Verona, co-fondatrice del progetto SUPER Il festival delle periferie, che dal 2016 indaga le nuove pratiche messe in atto da abitanti e soggetti attivi nelle periferie della città di Milano.


Il podcast è disponibile gratuitamente in questa pagina o sulle seguenti piattaforme: Anchor - Google Podcasts - RadioPublic - Spotify





In strada. Azioni partecipate in spazi pubblici, di Monica Guerra e Lola Ottolini, Corraini, Milano 2019
Le azioni partecipate in spazi pubblici rappresentano pratiche di incontro capaci di rafforzare i legami sociali e promuovere un rinnovato senso di appartenenza ai luoghi. In strada. Azioni partecipate in spazi pubblici è un libro all’incrocio tra pedagogia e architettura, per riprendersi la strada attraverso piccoli gesti in grado di attivare nuovi punti di vista sulla realtà.

Puntata #8 - "The Design City, Milano città laboratorio", a cura di Marco Sammicheli e Anna Mainoli, Forma Edizioni, 2020

Nella nuova puntata di Archibooks on Air parliamo della città di Milano dal punto di vista degli studi di architettura e design. Il libro The design city. Milano città laboratorio  paragona il capoluogo lombardo a una città-laboratorio dove gli studi compongono un tessuto complesso e variegato. Gli studi dei maestri del design italiano degli anni '50 si affiancano, con inedite fotografie e testi, a quelli più giovani, definendo così una mappa diffusa della creatività milanese. Il libro, suddiviso in 5 sezioni, si pone come uno strumento di conoscenza trasversale: è uno spaccato dellle diverse e possibili tipologie di uffici - loft industrali, appartamenti borghesi di fine '800, seminterrati, case-botteghe - e allo stesso tempo una descrizione dei diversi modi di lavorare e progettare. 

Manuele Salvetti ne parla insieme agli autori, Marco Sammicheli, giornalista, curatore e attualmente responsabile delle relazioni internazionali delle Triennale di Milano e docente a contratto in design narratives presso il Politecnico di Milano e Anna Mainoli, consulente e curatrice editoriale e di eventi culturali, co-curatrice per “Corriere della Sera” della collana di monografie “Lezioni di Architettura e Design” e di “Architetture e interni urbani” - in collaborazione con il Politecnico di Milano.


Il podcast è disponibile gratuitamente in questa pagina o sulle seguenti piattaforme: Anchor - Google Podcasts - RadioPublic - Spotify


The Design City, Milano città laboratorio. A cura di Marco Sammicheli e Anna Mainoli, Forma Edizioni, 2020. 
Il libro illustra e racconta diverse classi di designer italiani e stranieri accomunati dal contribuito disciplinare con cui si è consolidato su scala internazionale il sistema design di Milano nel corso di quasi un secolo (1950 – 2020). I profili sono stati selezionati in base alla carriera svolta, al legame con la città e a come hanno conservato una rilevanza internazionale nel tempo.

Puntata #9 - "Asnago e Vender a Milano", a cura di Massimo Novati, Fondazione OAMI, 2020

Nella nuova puntata di Archibooks on Air parliamo del settimo volume della collana Itinerari dedicato al lavoro di Mario Asnago e Claudio Vender a Milano, parte del progetto editoriale Fondazione OAMi. I due autori sono riscoperti attraverso un libro che raccoglie alcune loro opere selezionate, due saggi, di Massimo Novati, autore del volume, e Maurizio Carones, direttore scientifico della collana che raccontano la loro storia e il loro lavoro in una Milano moderna che si è contraddistinta per la qualità diffusa delle sue architetture. L’inserto del libro raccoglie un dialogo tra gli architetti Adam Caruso, Caruso St John, e Cino Zucchi, CZA architetti, autori entrambi di due volumi dedicati alle opere di Asnago e Vender. Le fotografie sono di Cino Zucchi e Delfino Sisto Legnani, DSL Studio. Completano il volume alcuni disegni inediti di Mario Asnago.

Ne parliamo in questa nuova puntata di Archibooks con Massimo Novati, autore del volume, e Maria Vittoria Capitanucci, storica dell’architettura.


Il podcast è disponibile gratuitamente in questa pagina o sulle seguenti piattaforme: Anchor - Google Podcasts - RadioPublic - Spotify



Puntata #10 - "Oltre la dismissione", di Giulia Setti, Lettera Ventidue, 2018

Nella prima puntata 2021 di Archibooks on Air viene affrontato il tema delle aree dismesse a partire dal libro Oltre la dismissione. Strategie di recupero per tessuti e manufatti industriali, di Giulia Setti, Lettera Ventidue, Siracusa 2018. Il volume considera in particolare la stagione degli anni ’80 del secolo scorso, fase di sviluppo urbano che ha lasciato senz’altro un segno nelle nostre città. Attraverso casi studi, interviste con architetti e un approfondimento sull'importante ruolo avuto nel dibattito dalla rivista Casabella, il volume traccia uno scenario completo sulla stagione di recupero delle aree dismesse in Europa.

Manuele Salvetti ne parla insieme a Giulia Setti, autrice del volume, architetto e dottore di ricerca. Dal 2019 Giulia Setti è ricercatrice in Progettazione Architettonica e Urbana presso il Dipartimento DAStU, Politecnico di Milano, dove svolge attività di ricerca e didattica.


Il podcast è disponibile gratuitamente in questa pagina o sulle seguenti piattaforme: Anchor - Google Podcasts - RadioPublic - Spotify


 

Puntata #11 - "Affective SpacesArchitecture and the Living Body", di Federico De Matteis, Routledge, 2020

Questa nuova puntata di Archibooks On Air affronta un tema particolare dell'ambito della cultura architettonica, ovvero la relazione tra la struttura spaziale del mondo vissuto e la corporeità del soggetto. Il tema è l'oggetto del libro Affective spaces. Architecture and the Living Body, Routledge 2020.
La ricerca prova a chiarire l'esperienza diretta e in prima persona dell'ambiente e come questo influenzi gli stati emotivi di una persona, condizionando la sua percezione del mondo che la circonda. Questo libro porta alla luce una gamma di questioni che hanno ricevuto poca attenzione nell'ambito della cultura architettonica, dove il discorso sullo spazio affettivo rimane ancora oggi per lo più superficiale.

Florencia Andreola (Fondazione dell'Ordine degli Architetti di Milano) ne discute con l'autore Federico De Matteis, professore associato di Progettazione architettonica presso l’Università degli Studi dell’Aquila, e con Stefano Catucci, docente di Estetica alla Sapienza Università di Roma. 


Il podcast è disponibile gratuitamente in questa pagina o sulla piattaforma Anchor.


Puntata #12 - "Dopo le crisi. 1973, 2001, 2008, 2020", di Mirko Zardini, Letteraventidue, 2021

Nella nuova puntata, Archibooks on Air affronta il tema delle crisi, da quella pandemica più recente risalendo fino agli anni Settanta, per comprenderne gli effetti su diversi aspetti della nostra società. Questo il tema centrale del libro-intervista Dopo la crisi. 1973, 2001, 2008, 2020, il primo di diversi volumi pubblicato da Letteraventidue nella collana Loqui, un nuovo contenitore che raccoglie contributi nella forma di interviste tematiche sulla pratica e la teoria dell’architettura e del design.
Federica Doglio intervista Mirko Zardini in una serie di conversazioni iniziate durante l’estate del 2020. Un percorso esplorativo che parte dalla crisi odierna per individuare, nell’arco di cinquant’anni di storia, una sorta di continua e lunga crisi, ambientale, climatica, ma anche energetica e oggi sanitaria che attraversa diversi settori e tematiche, tra cui l’ambiente, lo spazio pubblico, le istituzioni, l’educazione e il ruolo dell’architetto. 

Simona Galateo (Fondazione dell’Ordine degli Architetti di Milano) ne parla con i due autori, Federica Doglio, architetto e dottore di ricerca in Beni Culturali, docente presso il Politecnico di Torino e la NABA di Milano, e Mirko Zardini, architetto, autore e curatore, che è stato Direttore del CCA il Canadian Centre for Architecture di Montreal.


Il podcast è disponibile gratuitamente in questa pagina o sulla piattaforma Anchor.


Potrebbe interessarti

05.08.2022 Concorrimi

Nuovo Concorrimi per la "Riqualificazione del sistema delle Piazze e del Lungomare" a Carloforte

Pubblicato su Concorrimi un nuovo concorso di progettazione in due gradi per la “Riqualificazione del sistema delle Piazze e del Lungomare” di Carloforte in Sardegna, con scadenza del primo grado fissata per il 4 ottobre 2022. Si tratta del secondo concorso nell’isola sarda e il 64esimo sulla piattaforma.

Scopri di più
05.08.2022 Concorrimi

Nuovo concorrimi per la “Ridefinizione delle aree pubbliche comprese tra la scuola elementare ed il cimitero di Campovico” a Morbegno

Pubblicato su Concorrimi un nuovo concorso di progettazione in due gradi per la “Ridefinizione delle aree pubbliche comprese tra la scuola elementare ed il cimitero di Campovico”. Il termine per la consegna degli elaborati del primo grado è fissato per il 25 ottobre 2022.

Scopri di più
03.08.2022 Normativa

Legge n.91 del 15 luglio 2022: ristrutturazione edilizia

È entrata in vigore la legge n.91 del 15 luglio 2022 che aggiorna la definizione di “ristrutturazione edilizia” contenuta nel D.P.R. n.380/2001 includendo in questa categoria gli interventi di demolizione e ricostruzione con modifiche sugli edifici in aree soggette a vincolo paesaggistico.

Scopri di più