Caricamento...

Nuovo Codice dei Contratti: l'allarme del Cnappc

A fronte della crescita dell’utilizzo dell’appalto integrato come procedura di aggiudicazione dei lavori, il Cnappc esprime la propria preoccupazione in merito all'eccessiva semplificazione alla quale tende il testo del nuovo Codice dei Contratti, che rischia di svalutare il concorso di progettazione, abbassando la qualità delle Opere pubbliche.

“Il nuovo Codice dei contratti non è in grado di consentire il raggiungimento degli obiettivi del PNRR. Sottovalutando il concorso di progettazione e compiendo, in questo modo, un passo indietro rispetto alla normativa precedente, si preclude la possibilità di realizzare opere pubbliche di qualità. Le criticità, sollevate dal mondo delleprofessioni tecniche, riguardo a pianificazione, programmazione e progettazione ci allontanano dal raggiungimento degli obiettivi posti dall’Europa. Rispetto, poi, al suo impianto generale stride la mancata coerenza tra i principi espressi nella prima parte del Codice - sicuramente condivisibili - ed i contenuti degli articoli successivi”.


“Forte elemento di criticità è rappresentato poi, dalla possibilità di un utilizzo estensivo dell’appalto integrato, il cui ricorso andrebbe indicato esclusivamente per progetti in cui sia prevalente l’aspetto tecnologico dove, sul fronte dell’innovazione, il contributo dell’impresa può essere utile, altrimenti, sacrificando la progettazione, si sacrifica la qualità dell’opera. Eppure bastava far riferimento alle passate esperienze per verificare come l’appalto integrato abbia prodotto, nella gran parte dei casi, enormi conteziosi tra imprese e stazioni appaltanti, opere incompiute e risultati del tutto deludenti”.


Queste le parole di Francesco Miceli, Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC), in un comunicato stampa del 29 marzo 2023.
Il Cnappc aveva già lanciato l'allarme nel corso della Conferenza Nazionale degli Ordini degli Architetti PPC del 10 marzo, durante la quale è stata illustrata la ricerca “Il boom del mercato delle Opere pubbliche, il nuovo Codice e la qualità della progettazione” realizzata da ONSAI, Cnappc e CRESME.

Potrebbe interessarti

18.06.2024 Sondaggio

La professione di architetto in Europa - partecipa al sondaggio

Si invitano gli architetti a partecipare al sondaggio per lo studio di settore 2024 del Consiglio degli Architetti d’Europa.

Scopri di più
06.06.2024 Fondazione

Fuorisalone 2025: manifestazione di interesse per eventi in sede e per l'utilizzo degli spazi espositivi

La Fondazione dell'Ordine degli Architetti di Milano mette a disposizione la sede di via Solferino per ospitare esposizioni, eventi promozionali e/o culturali durante lo svolgimento del Salone del Mobile e del Fuorisalone del 2025 (7-13 aprile 2025). Gli operatori interessati potranno presentare la propria proposta entro e non oltre le ore 18.00 del 20 settembre 2024.

Scopri di più
31.05.2024 visite in azienda

Luce, spazio e architettura dal moderno ad oggi. Itinerari di architettura sul moderno in città

In collaborazione con Panzeri, azienda che da 70 anni produce illuminazione Made in Italy, sono state organizzate due visite guidate gratuite alla scoperta dell'architettura moderna e contemporanea.

Scopri di più