Caricamento...

L'architettura di Milano: la mostra in via Solferino 19

Dal 07.10.2022 al 15.11.2022

Dalle  00:00  Alle  00:00

Modalità:

Mostra

Ente erogatore:

Fondazione OAMi

Area:

Architettura

Organizzato da: Fondazione OAMi

Dal 07.10.2022 al 15.11.2022

Dalle  00:00  Alle  00:00

L'evento in sintesi

Fino al 15 novembre 2022, gli spazi espositivi dell'Ordine degli Architetti di Milano e della sua Fondazione, ospitano una mostra fotografica di Sosthen Hennekam, curata da Adriana Granato e Marco Biraghi. L'esposizione, che riprende il volume “L’architettura di Milano. La città scritta dagli architetti” edito da Hoepli nel 2021, traccia un percorso tra le opere milanesi più significative dal dopoguerra ad oggi, suddividendole per tipologie – dagli edifici per uffici del centro fino ai quartieri residenziali periferici – osservate attraverso le rigorose fotografie in bianco e nero di Sosthen Hennekam. I ridisegni sono stati effettuati da studio ibsen.


Milano, nel corso degli ultimi settant’anni, è stata capace di costruirsi una propria identità: identità moderna, ma anche identità di una città storicamente (oltreché geograficamente) italiana. Ed è proprio in quanto esemplare pressoché unico di una compiuta “modernità italiana” che Milano è riuscita a rimanere al passo e a istituire un proficuo dialogo con molte altre realtà europee ed internazionali. Lo ha spesso fatto guidata da principî più pragmatici che estetici. E tuttavia, proprio in questo suo “badare al sodo”, Milano ha trovato la sua cifra stilistica; una cifra riconoscibile negli edifici ormai “classici” della stagione degli anni ’50 e ’60 (quelli di BBPR, Albini, Gardella, Caccia Dominioni, Magistretti, Arrighetti) ma anche in alcuni di quelli del decennio successivo (in special modo di Gregotti, Rossi e Aymonino), e poi di nuovo nell’epoca più recente, in cui alle opere di architetti particolarmente sensibili alla “tradizione” moderna milanese quali Zucchi, Cecchi & Lima, Onsitestudio, si affiancano quelle di autori come Botta, Herzog & de Meuron, Eisenman, Koolhaas, che mostrano a loro volta di saperla rileggere. Un’architettura in grado nella gran parte dei casi d’integrarsi perfettamente alla città, di rispettarne le logiche, così come di rispecchiare quel particolare mix di eleganza e rigore che nel mondo è riconosciuto come precipua caratteristica di Milano.


7 ottobre - 15 novembre 2022
Via Solferino 19, Milano
La mostra è visitabile da lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.00.
Ingresso libero e gratuito.

In occasione dell'inaugurazione sarà possibile acquistare il volume "L’architettura di Milano. La città scritta dagli architetti", Hoepli, Milano 2021


La visita alla mostra dà diritto a 1 cfp in autocertificazione.


La mostra è stata realizzata grazie al contributo concesso dalla Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali del Ministero della Cultura.

Chiesa nel quartiere Sant'Ambrogio, Arrigo Arrighetti, 1962-66. © Sosthen Hennekam

Chiesa nel quartiere Sant'Ambrogio, Arrigo Arrighetti, 1962-66. © Sosthen Hennekam

Torre al parco, Vico Magistretti, 1953-56. © Sosthen Hennekam

Torre al parco, Vico Magistretti, 1953-56. © Sosthen Hennekam

Complesso residenziale "Carlo Erba", Eisenman Architects et al., 2012-19. © Sosthen Hennekam

Complesso residenziale "Carlo Erba", Eisenman Architects et al., 2012-19. © Sosthen Hennekam

Pirelli building Cinturato, Onsitestudio 2016-20. © Sosthen Hennekam

Pirelli building Cinturato, Onsitestudio 2016-20. © Sosthen Hennekam

Torre Velasca, BBPR, 1950-58. © Sosthen Hennekam

Torre Velasca, BBPR, 1950-58. © Sosthen Hennekam

L'architettura di Milano: la mostra in via Solferino 19

Descrizione completa

Dal 07.10.2022 al 15.11.2022

Dalle  00:00  Alle  00:00

Ente erogatore:

Fondazione OAMi

Organizzato da: Fondazione OAMi

Amici di Fondazione OAMi

Sei un/’architetto/a, non iscritto/a all’Ordine degli Architetti di Milano?

Iscriviti al programma “Amici di Fondazione OAMi” per beneficiare di vantaggi e condizioni agevolate su corsi, prodotti e servizi offerti dalla Fondazione dell’Ordine.