Caricamento...

In ricordo di Giorgio Costantini

È venuto a mancare il 18 maggio l'arch. Giorgio Costantini, iscritto all'Ordine di Milano dal 1950. L'Ordine lo ricorda con un estratto dal volume "55/05 Cinquant’anni di professione" pubblicato nel 2006 per i tipi di Mondadori Electa.

"A Milano nel '45 eravamo quattro gatti in Facoltà: Ponti, Muzio, Portaluppi i nostri docenti; Wright, Neutra, Le Corbusier i nostri modelli. Ci si cimentava in tutto: dall'urbanistica alle poligonali topografiche, dai progetti architettonici a quelli di impianti, dal restauro alle iperstatiche strutturali. Un bel po' di questa roba oggi è finita in pattumiera insieme a logaritmi e regoli calcolatori. Un ragazzino sveglio sul computer, ora ti risolve un telaio in un baleno. Ma l'aver disegnato e calcolato con le mani e con la testa ci aveva reso un po' eclettici come i medici condotti che curavano sia il mal di pancia, sia i tendi cariati. Ancora studente il primo incarico: ricavare da un negozio un appartamento. Dovevo fare da progettista e da capomaestro insieme, consegnando l'opera, chiavi in mano, previo preventivo. Il mio risultò assai inferiore a quello di un geometra mio concorrente, non perchè fossi più bravo di lui, ma perchè, inesperto, avevo sbagliato i conti. Assunsi l'incarico, tutto andò bene, ma la mia carriera di capomastro finì lì. Fui fortunato: neolaureato, a 25 anni, un imprenditore, più coraggioso di me, mi affidò i calcoli strutturali di una casa di sei piani. Sta ancora  su. Da allora ho progettato e costruito: residenze a Milano via Volvinio-de-Sanctis, via Fogazzaro-Maffei, via Montale 12, via Tolentino 2, a Bergamo via Verdi 27, uffici a Milano via Maffei 1, via Pannunzio 4, industrie a Brugherio, a Corsico, a Bareggio, edicole funerarie ad Arcisate, a Cesano, a Tradate. Ho restaurato Palazzo Acerbi in corso di Porta Romana a Milano e Palazzo Carrara in via Pignolo a Bergamo, ristrutturato a Milano la Clinica S. Siro in via Monreale e la Concessionaria di via Brizi 4. Assistente di Storia dell'Arte in Facoltà a Milano, ho pubblicato una raccolta di lezioni di Luigi Crema sull'architettura antica. E molte altre cose ancora: temo che nei prossimi 55 anni di carriera non potrò farne altrettante".

Giorgio Costantini

Giorgio Costantini

Casa d'abitazione in viale Umbria a Milano (1986)

Casa d'abitazione in viale Umbria a Milano (1986)

Casa d'abitazione in via Maffei a Milano (1989)

Casa d'abitazione in via Maffei a Milano (1989)

Edificio polifunzionale in via Verdi a Bergamo (1992)

Edificio polifunzionale in via Verdi a Bergamo (1992)

Casa d'abitazione in via Fogazzaro a Milano (1990)

Casa d'abitazione in via Fogazzaro a Milano (1990)

Potrebbe interessarti

15.07.2024 Dibattito Aperto

Dal confronto sul Salva Casa, una nuova richiesta di chiarezza delle procedure e delle norme: l’Ordine di Milano scrive al CNAPPC

Semplificazione, responsabilità della pubblica amministrazione, ruolo dei professionisti nella rigenerazione urbana, queste le parole chiave dell’incontro organizzato l’11 luglio 2024 dall’Ordine degli Architetti di Milano riguardo il nuovo provvedimento del Governo sulle questioni della semplificazione edilizia e urbanistica, il cosiddetto “Salva casa”. Sul tavolo la questione legata ai cambiamenti mirati ad alleggerire i processi di riqualificazione e quella volta alla valorizzazione economica degli immobili e delle unità immobiliari. Tanti gli ospiti della politica e delle professioni che hanno approfondito il testo e gli emendamenti in discussione, con un accento specifico sulla situazione milanese.

Scopri di più
09.07.2024 Eventi culturali

Il valore dell'architettura moderna a Milano: I incontro del ciclo Sempre Moderno

Giovedì 16 maggio si è tenuto il primo incontro del ciclo "Sempre Moderno", che ha visto gli interventi di Francesca Albani, Sara Banti, Lorenzo Bini, Andrea Canziani, Emanuela Carpani, Francesco Garutti, Stefano Passamonti e Orsina Simona Pierini. Pubblichiamo il video e un report con i temi e le questioni emerse

Scopri di più
28.06.2024 Dibattito Aperto

L'Ordine sulla ristrutturazione di San Siro: il progetto di architettura al centro della rigenerazione

Gli architetti milanesi chiedono chiarezza sul nuovo progetto dello stadio presentato pochi giorni fa da Webuild e rivendicano trasparenza sulle procedure e la centralità del concorso come strumento d’elezione per disegnare gli spazi e i luoghi più rilevanti per la comunità, nell’interesse di tutta la cittadinanza.

Scopri di più