Caricamento...

Questionario FAIR WORK: lavoro equo e inclusione

L'Ordine degli Architetti di Milano invita i propri iscritti a compilare un questionario anonimo per raccogliere dati aggiornati sul tema sul del Fair Work e orientare le future iniziative per raggiungere l’obiettivo di avere un lavoro più equo ed inclusivo. Per la compilazione del questionario, verranno rilasciati 2 cfp deontologici.

Dopo aver realizzato e presentato il Vademecum del Fair Work, l’Ordine prosegue il lavoro di sensibilizzazione, ascolto e approfondimento sul tema, proponendo ai propri iscritti un questionario con l’obiettivo di raccogliere dati ed elementi aggiornati da professionisti e titolari di studio, rispetto alle rispettive condizioni professionali e prospettive.

Raccogliere dati aggiornati sul tema è elemento essenziale per continuare a informare il dibattito in maniera circostanziata e precisa – dichiara Federico Aldini, Presidente OAMi - nonché condizione essenziale per orientare le future iniziative che l’Ordine intende condurre per raggiungere l’obiettivo di avere un lavoro più equo ed inclusivo».


La compilazione garantisce l’anonimato, è gestita sulla piattaforma SurveyMonkey e rappresenta occasione di aggiornamento professionale (2 cfp deontologici) per chi completerà il questionario, leggerà la documentazione allegata e visionerà la video registrazione dell’evento in cui il Vademecum è stato presentato. Il riconoscimento dei 2 cfp deontologici avverrà per i professionisti, che hanno compilato il questionario e visionato la video registrazione, entro il 15 ottobre 2023


Il questionario è pensato con delle sezioni comuni che rilevano alcuni dati anagrafici e la fruizione dei servizi dell’Ordine e delle sezioni differenziate secondo condizione professionale (dipendente, libero professionista in proprio, collaboratore monocommittente, titolare di studio etc) che indagano le principali caratteristiche del lavoro, seguendo i temi principali già affrontati nel Vademecum, quali contratto, organizzazione del lavoro, assicurazione, compensi, tutele aggiuntive.

 

Una particolare attenzione nell’indagine è data dalla condizione del collaboratore continuativo mono-committente, figura professionale specifica e sempre più diffusa, sulla quale l’Ordine ritiene utile delineare con maggiore precisione la situazione professionale, a partire dai dati raccolti.  Riportiamo qui di seguito le modalità prevalenti di svolgimento dell'attività professionale, affinchè ciascun professionista possa compilarlo secondo la situazione che meglio risponde alla sua attuale condizione: 

  • Dipendente di studio professionale / società / azienda privata
  • Dipendente della Pubblica Amministrazione
  • Libero professionista che lavora come collaboratore continuativo per uno studio professionale o per un professionista in mono-committenza (+ 80% del fatturato annuale)
  • Libero professionista che svolge incarichi professionali, prestazioni e/o consulenze per altri soggetti (committenti, professionisti, studi professionali...) non avvalendosi di collaboratori
  • Libero professionista e/o titolare di studio, socio di studio professionale, rappresentante di società, che svolge incarichi professionali, prestazioni e/o consulenze per altri soggetti (committenti, professionisti, studi professionali...) avvalendosi dell’ausilio continuativo di collaboratori


I dati saranno raccolti dal 21 luglio al 15 settembre 2023, saranno analizzati dalla Fondazione dell’Ordine, con la supervisione del Comitato Tecnico Scientifico per la Professione e restituiti in occasioni di dibattito aperte a tutti entro la fine del 2023.

Per ricevere chiarimenti sul questionario clicca su "contattaci" e descrivi la tua richiesta, sarai ricontattato/a dal nostro staff.

Le sottoscrizioni sono concluse il 15/09/2023

FAIR WORK Richieste di chiarimento sul questionario

Caricamento...

Potrebbe interessarti

16.05.2024 Call

Sempre Moderno: open call di fotografia

Nell'ambito del progetto "Sempre Moderno", la Fondazione Ordine Architetti PPC Milano apre una open call di fotografia, invitando architetti, studenti, fotografi e appassionati, a inviare un “trittico” di immagini aventi come soggetto un edificio della seconda metà del Novecento costruito nel territorio della città metropolitana di Milano. Le fotografie, visionate da una commissione, saranno esposte in una mostra che verrà allestita presso la sede dell'Ordine degli Architetti PPC di Milano nell'autunno 2024. Consegna entro il 3 settembre 2024

Scopri di più
15.05.2024 Call

Il Gruppo di lavoro Forense dell'Ordine si rinnova

L’Ordine degli Architetti di Milano apre una call per rinnovare il Gruppo di lavoro sull’attività di CTU, Periti e valutatori, selezionando architetti disponibili a un impegno atto a monitorare l'evoluzione della normativa e della cultura specifica in materia forense.

Scopri di più
10.05.2024 Normativa

L’applicazione del principio dell’equo compenso è inderogabile anche nei contratti pubblici

L'Ordine di Milano commenta, con una nota dell'architetto Carlo Lanza, la circolare del Consiglio Nazionale sull'applicazione del principio dell'equo compenso, per contrastare un’interpretazione penalizzante per la professionalità dei professionisti impegnati in contratti pubblici.

Scopri di più