Caricamento...

ARCHITECT @ WORK Milano 2021

Dal 03.11.2021 al 04.11.2021

MiCo-Milano Congressi

Fiere
ARCHITECT@WORK Milano

Si terrà dal vivo e online la settima edizione di ARCHITECT@WORK Milano, il 3 e 4 novembre 2021 al MiCo-Milano Congressi. La due giorni di networking per i professionisti dell’architettura e l’edilizia presenterà le più recenti innovazioni di oltre 190 espositori. Tema dell’edizione 2021: Ossigeno.

Si terrà dal vivo e online la settima edizione di ARCHITECT@WORK Milano, il 3 e 4 novembre 2021 al MiCo-Milano Congressi. La due giorni di networking per i professionisti dell’architettura e l’edilizia presenterà le più recenti innovazioni di oltre 190 espositori.
Come sempre l’aggiornamento sui prodotti, la possibilità di fare networking, l’atmosfera informale ed il catering gratuito non saranno le uniche qualità di ARCHITECT@WORK Milano. È infatti prevista tutta una serie di ospiti e contenuti entusiasmanti che vogliono essere di ispirazione per i visitatori professionisti. Tema dell’edizione 2021: Ossigeno.

Federico Delrosso apre l'evento il 3 novembre con il suo contributo “Nurture Future” in cui inviterà a un dibattito multidisciplinare per un domani migliore. Il secondo seminario di mercoledì è a cura di Alfonso Femia, che affronterà il tema della responsabilità e generosità progettuale. Il secondo giorno dell'evento, 4 novembre, Alessandro Adamo dello studio Lombardini 22/Degw indagherà con Davide Ruzzon di TUNED il futuro dei luoghi di lavoro e lo smart working come opportunità per l’architettura. A seguire Vittorio Grassi parlerà di una delle grandi sfide contemporanee dell’architettura: creare spazi verdi e di condivisione nelle città.

Anche l’esposizione “Ossigeno, architettura e materiali” curata da Arianna Callocchia in collaborazione con OFARCH e DDN seguirà il fil rouge che fa da sfondo ai seminari. In questo caso il tema dell’ossigeno come risorsa vitale ed elemento fondamentale per la qualità dell’ambiente urbano sarà rappresentato da un alternarsi di piante e materiali innovativi, capaci di sanificare l’aria o dotati di proprietà antibatteriche. Obiettivo della mostra è quello di coinvolgere architetti, designer e imprese nell’ideare e realizzare progetti ‘green’, sostenibili ed ecologici.


Novità di quest’anno è A@W Digital, una piattaforma virtuale che consentirà di partecipare alla manifestazione da remoto, non soltanto nei giorni che coincidono con l’evento dal vivo ma anche per le due settimane successive.

Iscrizioni

Per partecipare gratuitamente ad ARCHITECT@WORK Milano 2021 basta iscriversi sul portale dedicato con il codice 8900: https://registration.gesevent.com/survey/3spibs7cfn1az


Per l’accesso alla manifestazione è necessaria la certificazione verde Covid-19.

Programma

Mercoledì 3 novembre ore 12:30 


Relatore: Arch. Federico Delrosso - Federico Delrosso Architects

TITOLO: NURTURE FUTURE


Nurture future, la nostalgia per un passato che potrebbe non tornare è un’occasione per pensare ad un futuro migliore. Nutrire il futuro attraverso l’attenzione alla gioia di vivere, desiderio universale di ogni uomo e unico vero scopo che una società può e deve proporsi.

“Nurture future” è un dibattito aperto multidisciplinare e critico aperto a tutte le discipline, che sono invitate a contribuire e/o condividerne i principi, generando nuove contaminazioni in un momento di opportunità e cambiamento. Nutrire tutto ciò sarà il futuro.

Durante il seminario verrà proposto un excursus di progetti, installazioni e concorsi focalizzato sulle tematiche dell’architettura naturalistica, disciplina che ricerca il benessere come equilibrio fra essere umano, natura e città. L’intento è quello di dotarci di uno strumento di riferimento, che guarda oltre il progetto, oltre l’architettura da utilizzare come linea guida per la progettazione del futuro.


Mercoledì 3 novembre ore 15:30


Relatore: Arch. Alfonso Femia - Atelier(s) Alfonso Femia

Titolo: Architettura e generosità


Ossigeno come valore di benessere e di salute dell’abitare e del vivere. In chiave architettonica si può permutare ossigeno con spazio e spazio con generosità. Incremento demografico globale, esodo dalle campagne, gentrificazione, dispersione urbana, deficit abitativo: questi fenomeni incontestabili hanno esercitato sull’architettura una pressione spaventosa. La necessità di costruire rapidamente, su ampia scala e a basso costo. Il riscatto avviene attraverso un processo di responsabilità e generosità progettuale. Il 2021 sta generando una nuova visione.


Giovedì 4 novembre ore 12:30


Relatore: Arch. Alessandro Adamo-Lombardini 22/Degw - Arch. Davide Ruzzon - TUNED

TITOLO: RE-THINKING THE SPACE. IL WORKPLACE CHE CREA VALORE


La crisi sanitaria dovuta al Covid-19 ci ha posto una sfida globale. Nella nostra esperienza i Clienti ci stanno chiedendo di riflettere sul futuro dei luoghi di lavoro.

Spazi - Tecnologie - Valori – Persone.

  • Quali sono stati gli impatti della pandemia sulle modalità di lavoro e sugli spazi ufficio delle Organizzazioni?
  • Come sarà il futuro del mondo uffici dopo il Covid-19?
  • Il residenziale come nuovo luogo di lavoro "smart" può diventare un'opportunità?

Interverrà anche come speaker l’Arch. Davide Ruzzon - Director TUNED:

  • Intro: Le Neuroscienze Applicate all’Architettura
  • Le emozioni e lo Spazio + Case Study.


Giovedì 4 novembre ore 15:30


Relatore: Arch. Vittorio Grassi-Vittorio Grassi architetto and Partners

TITOLO: LA CITTÀ DEL FUTURO: TRA ECOLOGIA, SALUTE E SOCIALITÀ

 

Vittorio Grassi, in occasione di ARCHITECT@WORK, affronta il tema dell’”Ossigeno” parlando della grande sfida dell’architettura contemporanea: non idealizzare quartieri giardino nelle periferie, ma portare il verde e la natura all’interno delle città. Creare spazi aperti, parchi e giardini pubblici che gli abitanti del quartiere e i cittadini possano condividere.

Il tema dell’”Ossigeno” inteso come ecologia, salute, comunità e socialità è approfondito dallo studio VGA in progetti come la Cittadella militare della Cecchignola, il Palazzetto dello Sport di Lamezia Terme, il ristorante aziendale Koà Zambon o il masterplan dell’Area ZIM a Samara.